Il progetto patenti

La guida della macchina: un grande passo verso l’autonomia

Dal 2014 all’interno di AAT si è costituito un gruppo di lavoro, coordinato da Lucia Ferroni, di cui fanno parte Chiara e Giovanni Berti (persona afasica e familiare), Maria Elena Favilla (linguista), Maria Pia Nuti (logopedista), Stefania Tocchini (neuropsicologa) e Paolo Bongioanni (neurologo).

Scopo del gruppo: cercare soluzioni ai problemi che riscontrano le persone afasiche nel prendere o rinnovare la patente di guida, problemi che spesso derivano dal fatto che le commissioni mediche locali, responsabili delle visite, non avendo regolamenti e direttive nazionali, si comportano in modo molto disomogeneo sul territorio italiano.

Come prima iniziativa, con l’aiuto di Assofly (Associazione con sede legale a Pisa che si occupa dell’assistenza e del trasporto di persone diversamente abili, persone anziane e bambini con difficoltà psico-motorie) e ANGLAT(l’Associazione Nazionale Guida Legislazioni Andicappati Trasporti, volta a migliorare le normative in tema di trasporti per consentire il diritto alla mobilità a tutte le persone disabili) è stato organizzato un convegno a Pisa, con la partecipazione del Dott. Stefano Lelli, Direttore della U.O. della Medicina Legale di Pisa, allo scopo di verificare meglio le difficoltà del medico legale e di studiare insieme delle possibili soluzioni. Il Dott. Lelli ha contribuito, anche in incontri successivi, con suggerimenti molto utili.

Sono stati presi contatti con l’Istituto S. Anna a cavallo tra il 2014 e il 2015, in particolare con il Prof. Antonio Frisoli, per valutare la possibilità di utilizzare sistemi di realtà virtuale full immersion come strumento aggiuntivo per decidere sull’idoneità alla guida.

È stato realizzato, nell’ottobre 2015, grazie al prezioso supporto di Davide Crovetti, un convegno a Fontanellato, in collaborazione con il Prof. De Tanti, per porre a confronto diverse realtà e diverse modalità di valutazione.

I risultati di tutti questi incontri e discussioni, ormai ad un buon punto di elaborazione, sono stati presentati nel contesto del IX Congresso Nazionale di A.IT.A. Federazione a S. Maria degli Angeli (Assisi) il 6 maggio 2016. La Federazione ha incaricato Lucia Ferroni e AAT di coordinare il progetto per tutta la Federazione e non solo per la Toscana. Il tema è stato ripreso anche nel convegno organizzato per la Giornata Nazionale 2016.