Attività istituzionali e di rappresentanza

Attvità istituzionali interne

L’Assemblea dei Soci viene convocata solitamente due volte in un anno.

Il Consiglio Direttivo si riunisce almeno tre volte l’anno.

Attvità istituzionali esterne

Partecipazioni alle attività istituzionali di A.IT.A. Federazione

I Soci di A.IT.A. Federazione sono le associazioni regionali, che partecipano all’assemblea delle regioni con due rappresentanti ciascuna. Oltre che per l’approvazione del bilancio una volta l’anno, l’assemblea si riunisce per prendere decisioni sui criteri di conduzione della Federazione e sulle scelte programmatiche, tra cui anche l’organizzazione annuale del convegno nazionale, nonché per condividere le iniziative e le attività svolte dalle singole regioni. L’assemblea costituisce un importante momento di raccordo fra le varie realtà che costituiscono A.IT.A. Federazione.

Solitamente l’assemblea delle regioni di A.IT.A. Federazione si riunisce tre volte l’anno, a settembre, a gennaio e a maggio, in occasione del congresso nazionale.

Il congresso nazionale è un importante momento di confronto e condivisione per tutti i Soci della federazione. Si tiene una volta l’anno a primavera, a rotazione nelle varie regioni e nelle ultime edizioni ha visto la partecipazione di circa trecento persone.

Solitamente il programma congressuale prevede due o tre relazioni di tipo scientifico-divulgativo e relazioni nelle quali i vari gruppi regionali e i Soci hanno la possibilità di presentare le proprie attività e iniziative, esibirsi in piccoli spettacoli teatrali o musicali, raccontare esperienze personali ed esporre i risultati delle varie attività svolte (ad es, quadri, ceramiche, poesie ecc.). Le relazioni di tipo scientifico-divulgativo sono tenute da esperti su argomenti relativi all’afasia, alla sua riabilitazione e alle problematiche che le persone afasiche e le loro famiglie devono affrontare, sia in ambito sociale che medico-legale. Un pomeriggio è dedicato ad una visita turistica organizzata dalla regione che ospita il congresso. Questa visita, insieme ai pranzi, alle cene e agli altri momenti conviviali permettono ai partecipanti delle varie regioni di conoscersi e condividere le proprie esperienze anche sul piano più personale.

Partecipazione alle riunioni del CD di ALICe Firenze

Il gruppo fiorentino di AAT è nato nell’ottobre del 2012 e svolge le sue attività in collaborazione con ALICe Firenze, Associazione non lucrativa che si occupa di prevenzione dell’ictus e assistenza alle persone che ne sono colpite.Al di là di una generale convinzione di AAT sull’importanza di una cooperazione tra le varie associazioni, la sinergia con ALICe è particolarmente importante considerato che l’ictus è la causa più comune di afasia e che circa un terzo delle persone colpite da ictus presenta afasia.

Per favorire questa sinergia, Maria Elena Favilla e Stefano Moriani sono invitati, in quanto coordinatori del gruppo fiorentino, a partecipare alle riunioni del Consiglio Direttivo di ALICe Firenze, così da poter contribuire all’organizzazione di iniziative rilevanti per le persone afasiche e per la diffusione della conoscenza dell’afasia sul territorio fiorentino.

Partecipazione ad attività istituzionali e iniziative del Cesvot

Quando ne capita l’opportunità, i Membri del CD e altri Soci partecipano ad iniziative istituzionali volte a promuovere la conoscenza dell’afasia e dell’Associazione. Ad esempio, nel febbraio 2016 il Segretario-Tesoriere Chiara Berti ha partecipato in rappresentanza di AAT al XVI Congresso dell’Associazione Italiana di Linguistica Applicata (AItLA), tenutosi dal 18 al 20 febbraio presso l’Università di Modena e Reggio Emilia e intitolato“Dinamiche dell’interazione: testo, dialogo, applicazioni educative”. Chiara Bertiè stata invitata a tenere un breve discorso di apertura dei lavori nel quale ha presentato AAT, ha raccontato la sua storia, della sua laurea in mediazione linguistica e della sua esperienza di persona afasica dopo l’emorragia cerebrale che le ha cambiato la vita, sottolineando l’importanza della collaborazione dei linguisti nella ricerca sull’afasia e sui metodi più efficaci per la sua riabilitazione. L’intervento è stato molto apprezzato dai partecipanti al congresso, che hanno avuto la possibilità di avere informazioni più concrete sull’afasia, ed ha fornito l’impulso per un invito da parte di AItLA ad AAT a curare una sessione speciale sul recupero linguistico nell’afasia post-ictus al XVII Congresso dell’AItLA, organizzato all’Università di Napoli dal 23 al 25 febbraio 2017 (la sessione è stata poi curata da Lucia Ferroni e M. Elena Favilla e vi hanno partecipato anche Chiara Berti, Maurizio Umelesi e Maria Pia Nuti).

I membri del CD e i soci partecipano anche a incontri, corsi e altre iniziative organizzati dal Cesvot per facilitare e migliorare la gestione e l’organizzazione dell’associazione e delle attività svolte.