AAT partecipa alla Festa del volontariato a Livorno

Sabato 27 maggio dalle 15.00 alle 20.00, la Sezione di Livorno di AAT sarà presente con uno stand informativo alla Festa del volontariato organizzata in piazza Grande dalla delegazione di Livorno del Cesvot. Intorno alle 17.40, si esibirà sul palco di piazza Grande Simone Ricci, il chitarrista jazz che, dopo l’ictus che lo ha reso afasico e gli ha fatto perdere l’uso della mano destra, ha ripreso a suonare la chitarra con la sola mano sinistra. Ulteriori informazioni sull’iniziativa sono riportate nella locandina allegata.
Venite a conoscerci e ad ascoltare la musica di Simone Ricci!

Spettacolo teatrale al Goldoni di Livorno

Siamo lieti di segnalare che il 25 e 26 maggio alle 21.00 si terrà al teatro Goldoni di Livorno lo spettacolo “Anacronistici”, nel quale reciteranno anche i nostri soci che stanno partecipando al laboratorio teatrale organizzato dalla Compagnia Mayor Von Frinzius in collaborazione con AAT. Invitiamo tutti gli interessati a partecipare a questa importante iniziativa volta anche a diffondere la conoscenza dell’afasia.
Anacronistici

X Congresso Nazionale di AITA – Federazione Pescara, 12-13-14 maggio 2017-05-16

                                             IMPRESSIONI SULLA VIA DEL RITORNO

IMG-20170512-WA0006

 

Intervista di Maria Pia a:

Mario, Gigi, Antimo, Antonio, Antonio, Francesco, Chiara, Sandra, Graziella, Giampaolo, Claudio, Vittorio, Maria Antonietta, Maurizio, Nicola, Roberto, Lamberto

L’accoglienza è stata calda e gradevole, caratterizzata da grande disponibilità. L’albergo è stato apprezzato: sia la locazione sul mare, sia le camere, sia la ristorazione. Molto disponibile il personale. Unico difetto: troppo svelti a sparecchiare!

IMG-20170512-WA0010Le relazioni scientifiche sono risultate chiare, comprensibile e utili. E’ piaciuta molto anche la parte del care-giver ed è emerso il desiderio di approfondirla.

Grande entusiasmo per l’attività dei laboratori a cui hanno partecipato in molti, anche quelli che avevano titubanze. Uno dei soci ha detto che grazie al laboratorio di canto è riuscito a “sbloccarsi” e a superarsi, cantando davanti a tutti.

La gita sociale è piaciuta, perché non troppo strutturata, più libera, più rilassante.

Il ballo è piaciuto moltissimo, anche se la sala era troppo piccola.

E’ stato apprezzato il fatto che gli spazi non fossero troppo “pieni”, ovvero una formula più rilassata e quindi più adeguata alle persone per le quali l’uso del linguaggio è complicato. Inoltre, in questo modo, negli intervalli, sono possibili più occasioni di scambio, conversazione e comunicazione tra le persone afasiche, ma anche tra i familiari, di diverse regioni, favorendo la nascita di nuove amicizie…

Maurizio diceva che gli piacerebbe che venisse inclusa una relazione delle persone afasiche per presentare un lavoro fatto tra loro. Ad esempio, pensava che le persone afasiche di un piccolo gruppo potessero, monitorizzate dalla logopedista, eseguire gli esercizi tra loro, non più solo a casa propria con il familiare: esercizi fatti insieme, con l’aiuto di altre persone afasiche.

Viene proposto anche, nei prossimi convegni, un gioco di sala.IMG-20170514-WA0009

IMG-20170513-WA0005